Indipendenza veneta: il consiglio regionale dice sì all'autodeterminazione

serenissimaVENEZIA - Né la forte pioggia, né l'acqua alta sono riusciti a fermare il movimento indipendentista oggi a palazzo Ferro-Fini. Il presidente del consiglio regionale, Clodovaldo Ruffato, ha invitato una delegazione di Indipendenza Veneta a presentare, alle ore 9.45 di fronte ai consiglieri regionali riuniti in consiglio straordinario, la propria Risoluzione sottoscritta da migliaia di cittadini veneti. "Oggi i consiglieri hanno preso una decisione di buon senso" spiega l'avv. Luca Azzano Cantarutti, presidente di Indipendenza Veneta, dopo aver ufficialmente esposto in sala consigliare le motivazioni del documento approvato. "Il diritto all'autodeterminazione va rivendicato, e oggi i veneti hanno dimostrato con i fatti di essere un popolo. Oggi il Veneto ha deciso di intrapprendere rapporti internazionali sul piano politico per poter garantire un referendum sull'indipendenza". 

 

Oltre all'avv. Cantarutti, il consiglio regionale ha ascoltato le motivazioni presentate dall'avv. Alessio Morosin, presidente onorario del movimento indipendentista. "La Commissione Europea ci ha già anticipato iscrivendo venerdì al segretario di Indipendenza Veneta che in materia di indipendenza Barroso rispetta il percorso democratico" spiega Morosin. "Questo percorso si chiama referendum per l'indipendenza del Veneto, e grazie all'approvazione di questa Risoluzione otterremo il monitoraggio internazionale per garantire il rispetto della conseguente dichiarazione di indipendenza"

Notevolmente soddisfatto Lodovico Pizzati, segretario di Indipendenza Veneta: "Oggi a Venezia si respira aria di capitale. La nuova Repubblica Veneta si avvicina e questa sera all'hotel Pigalle a Tezze sul Brenta spiegheremo di fronte a centinaia di cittadini il significato di questa giornata storica, e perché otterremo l'indipendenza prima della Scozia e della Catalogna."

Presente nella delegazione anche Alessia Bellon, l'esponente di spicco della roccaforte trevisana di Indipendenza Veneta. "La stragrande maggioranza dei veneti è fermamente a favore dell'indipendenza del Veneto, e quello a cui abbiamo assistito oggi è l'inevitabile corso della storia. I veneti si meritano di vivere in un paese di qualità, e da oggi questo non è più un sogno, ma una realtà imminente."

Conclude l'ing. Gianluca Busato, portavoce del movimento, valutando positivamente anche il contributo del PD: "hanno presentato una proposta con principi che sono condivisibili, perché guardano ad un'Europa di regioni federate e così implicitamente riconoscono che il contenitore Italia e' obsoleto. Credo che a breve si convinceranno anche dell'inevitabilità dell'indipendenza veneta".

Con l'approvazione della propria Risoluzione il team di Indipendenza Veneta conclude un 2012 di crescita impensabile. A gennaio 2012 fanno pubblicare sul Gazzettino il primo sondaggio scientifico che dimostra che la maggioranza dei veneti è per l'indipendenza del veneto (53,3%). Da questo risultato incomincia la raccolta di 20 mila firme per indire un referendum per l'indipendenza veneta, presentate a Luca Zaia a maggio. Parte l'iter istituzionale in Regione Veneto, e Indipendenza Veneta anticipa i tempi proponendo una Risoluzione di iniziativa popolare con un grande evento portando il 6 ottobre migliaia di veneti in piazza di fronte al palazzo regionale per sottoscrivere il documento approvato oggi in consiglio straordinario.


Indipendenza Veneta

28 novembre 2012



Indipendenza Veneta: se il consiglio regionale staordinario del 28 novembre si tiene, è grazie a noi. Ecco le tappe che hanno portato alla discussione

Risoluzione per l'Indipendenza del Veneto, il testo 

Un migliaio di persone in corteo sfila per l'indipendenza del Veneto

Il 53,3% dei votanti, in un referendum per l'indipendenza del Veneto, sarebbe per il sì!

Indipendenza Veneta, raduno di Venezia sui media internazionali

 

Aggiungi commento

E' materialmente impossibile controllare il contenuto dei commenti del nostro pubblico. Il sito conta ormai centinaia di pagine. Tuttavia, Idea Padova non intende diventare una palestra per offese personali né terreno per vendette private. Chi scrive commenti diffamatori se ne assume la piena responsabilità; chi dovesse inoltrarci materiale (articoli, commenti, immagini e video) illegale, sappia che sarà girato tale e quale all'autorità competente. Le persone offese da commenti diffamatori non rispondano con altri commenti, accettando così implicitamente lo scontro verbale; ma immediatamente inoltrino all'Editore una mail richiedendo la cancellazione del commento lesivo.

Netiquette: Post non accettati:

- «volgari» e/o «offensivi» e/o
- «razzisti» e/o «sessisti»
- «pornografici»
- «incomprensibili» (scritti cioè in italiano gravemente scorretto, senza punteggiatura, senza separazione delle parole...)
- «urlati» (ovvero scritti tutti in maiuscolo, che serve per mettere in evidenza una parola come se la si stesse dicendo ad alta voce)
- «spamming» (=messaggi pubblicitari)


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information