Lettera sulla Poesia

poesiaIl poeta è un mago e un sicario, e trova parole che uccidono il senso comune. Tutto muore sotto la penna del poeta: i più vasti imperi, i sentimenti più accesi e le epoche in genere. Benché la sua professione abbia di rado un significato commerciale e solo con difficoltà possa essere compresa nel profondo, la sua ambizione è la più vasta e potente che si conosca: perché un poeta, un grande poeta, è colui che, solo in mezzo al genere umano, riconosce tra tutte le cose quel materiale incombusto che può accendersi e consumarsi sotto l'imperio di una penna. Il potere della metafora e la volontà trasfiguratrice del genio non lasciano nulla di intatto - ed intere categorie di cose e generazioni di persone passano e si consumano nello spendersi dell'inchiostro.

Waqa si ritira

memlingSecondo un'antica fiaba Oromo (Etiopia), c'era un tempo "in cui Waqa (divinità Oromo) era molto vicino alla terra, e la gente poteva chiedergli qualunque cosa le servisse. Quando era vicino alla terra c'era sempre abbondanza di pioggia.

Una volta, Waqa mandò a chiamare tutti gli animali e disse loro: «Potete parlarmi liberamente ed anche lamentarvi delle cose che vi fanno soffrire».

Allora gli animali si riunirono davanti a Waqa.

Il primo ad essere invitato a parlare da Waqa fu l'asino. Gli si fermò davanti e disse: «O Waqa, mi hai chiesto di parlare, ma io devo soltanto ringraziarti. Non ho motivo di lamentarmi».

Le false notizie, una tesi in cerca di conferme

bloch marc

«La verità non ha mai vinto, ma è sempre stata, invece, un mezzo per la vittoria, come la spada». Max Stirner, L'unico e la sua proprietà, Parte Seconda, II, III

 In un celebre romanzo di Jonathan Swift (Gulliver's travels into several remote nations of the world, Benj. Motte, London, 1726) il protagonista sbarca nell'isola di Glubbdubdrib. «E' grande circa un terzo dell'isola di Wight, ed è straordinariamente feconda: ne è governatore il capo di una certa tribù composta tutta da maghi». La caratteristica più saliente del Paese è che la corte è servita da domestici dell'altro mondo. Infatti, «per mezzo della sua virtù negromantica il governatore può chiamare chi voglia dal regno dei morti e costringerlo a prestargli servizio per non più di ventiquattro ore». Una volta abituatosi alla novità, Gulliver si lascia un po' prendere la mano. 

La pittura astratta, figlia della paura

bibemusNume tutelare: Quando nel 1980 si tenne la mostra di Balthus a Venezia, gens lucifuga emerse dalle nebbie dell'arte contemporanea - con un po' di timore e alla chetichella, come gli "Atleti della fede" al termine della Rivoluzione. I pittori figurativi uscivano dai rifugi ove erano stati cacciati dalla cultura ufficiale. E chi per lungo tempo era stato considerato impossibile o morto si riscopriva vivo e psicologicamente integro, e pensava di avere mantenuto animata la sostanza di un metodo che era esistito sin dalla notte dei tempi. Depositari di segreti atavici e sacerdoti di un tempio vacillante, sono forse i vincitori di una contesa di importanza mondiale; infatti, se l'arte concettuale − che si basa in gran parte sul rapporto biunivoco segno (o gesto) - significato − è un linguaggio che si esaurisce nello spendersi, ed è quindi morta, la pittura figurativa, che è polisensa, mantiene anche quando non vale un granché un'accezione importante: lo spirito di conservazione della cultura occidentale.

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information