Orto botanico, ampliamento quasi terminato

orto botanicoIn questi giorni di vacanza, non tutti hanno fatto i bagagli, ma in città le occasioni per vedere qualcosa di diverso non mancano. Quanti di voi sono mai stati all'Orto Botanico di Padova (gita delle elementari esclusa)? Ecco, un pomeriggio può bastare per uscire dalla calura e rilassarsi in un'oasi verde. L'orto ha una storia antichissima : fu istituito nel 1545 per la coltivazione delle piante medicinali, che allora costituivano la grande maggioranza dei "semplici", cioè dei medicamenti che provenivano direttamente dalla natura. Proprio per questa ragione i primi orti botanici vennero denominati "giardini dei semplici" ovvero horti simpliciumCol tempo s'è arricchito di piante da tutte le zone del mondo: vale la pena darci un occhio.

 


Dal 1997 è patrimonio Unesco, in quanto culla della scienza biologica e medicinale: è infatti il primo Orto Botanico del mondo. Non è grandissimo, ma è bene orientarsi con il percorso guidato per evitare di "saltare" intere collezioni di piante, come quelle carnivore tenute in una serra laterale, e sempre molto amate dai bambini.

L'orto appartiene all'Università di Padova, che ne ha fatto un luogo di studio, di memoria e di cultura. Gli studenti in realtà lo frequentano poco, ma vista l'inesistenza di aule studio aperte a ferragosto, si possono "usare" anche questi luoghi finanziati (dagli studenti) con tasse sempre più alte.

L'ingresso è gratuito per diversamente abili e per studenti e dipendenti dell'ateneo; altrimenti il costo è di 1 euro (per altri studenti) e di 4 per tutti gli altri: è democraticamente accessibile. La sera si anima con qualche iniziativa: qui s'è tenuta la prima dei "Notturni D'Arte" ad esempio, e ha ospitato spesso mostre all'aperto.

A breve termineranno anche i lavori di ampliamento (15mila mq acquistati dall' Università) assegnati ad un'azienda veneta che ha progettato una struttura ambiziosa: da una galleria di vetro e acciaio si potrà accedere a 5 nuove serre e seguendo un immaginario meridiano terrestre si potranno osservare i principali ecosistemi del pianeta, sino alla vita vegetale extraterrestre.

Un viaggio nel tempo e nello spazio, che non sconvolge le strutture originarie e che utilizza interventi mirati per amplificare la vista della Basilica di Santa Giustina. Con questa rimessa a nuovo l'Orto diverrà certo un nuovo punto d'incontro culturale, verde e centralissimo. Vale la pena farci un salto per finanziare questo luogo meraviglioso e per appropriarsi di luoghi vicini ma a volte poco pubblicizzati.


Giulia Carraro



 

Aggiungi commento

E' materialmente impossibile controllare il contenuto dei commenti del nostro pubblico. Il sito conta ormai centinaia di pagine. Tuttavia, Idea Padova non intende diventare una palestra per offese personali né terreno per vendette private. Chi scrive commenti diffamatori se ne assume la piena responsabilità; chi dovesse inoltrarci materiale (articoli, commenti, immagini e video) illegale, sappia che sarà girato tale e quale all'autorità competente. Le persone offese da commenti diffamatori non rispondano con altri commenti, accettando così implicitamente lo scontro verbale; ma immediatamente inoltrino all'Editore una mail richiedendo la cancellazione del commento lesivo.

Netiquette: Post non accettati:

- «volgari» e/o «offensivi» e/o
- «razzisti» e/o «sessisti»
- «pornografici»
- «incomprensibili» (scritti cioè in italiano gravemente scorretto, senza punteggiatura, senza separazione delle parole...)
- «urlati» (ovvero scritti tutti in maiuscolo, che serve per mettere in evidenza una parola come se la si stesse dicendo ad alta voce)
- «spamming» (=messaggi pubblicitari)


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information