Il Pollaio, spazio a misura di studente gestito da studenti

pollaioPADOVA - A volte quello che ci serve è davanti ai nostri occhi. A noi studenti occorrevano spazi, ma le aule studio dell'università di Padova sono un vero disastro: sovraffollate, sporche, inadeguate per lo studio di gruppo e soprattutto con orari di apertura al pubblico al passo con quello delle messe dei paesini di campagna (sempre che arrivi l'addetto della Civis ad aprire). Questa situazione è nota agli studenti da generazioni; è per questo che alcuni di noi hanno deciso di usufruire di uno spazio che apparteneva all'Università, ma che è in disuso da moltissimi anni: il "pollaio" ( via Marzolo 3) . Il nome ha un'origine poco accademica: serviva a tenere animali per la sperimentazione scientifica; ma questo succedeva negli anni '70. 

 

Questo luogo oggi è "occupato", nel senso che i ragazzi ci vivono dentro per evitare che l'Università lo sgomberi per farci altro. L'amministrazione ha minacciato che sarebbe arrivata il giorno 5 marzo per rimettere la "baracca" in funzione. Ovviamente non ha mantenuto la promessa. E questo è un bene, perché lì gli studenti hanno davvero ciò che occorre.

All'interno: due aule studio, di cui una per studiare in silenzio, l'altra per ripassare insieme - e servizi, un divanetto scassato e una cucina. Questa serve eccome, perché un lavandino e un paio di pentole rappresentano molto per la sopravvivenza di studenti in full immersion pre-esami. Ma, si sa, la cucina è anche convivialità, ritrovarsi, stare assieme. Durante le pause si parla, si discute e talvolta i confronti si protraggono (c'è anche un blog). Inoltre alla "baracca occupata" i giovani si ritrovano un giorno a settimana per dire la loro, su temi di attualità: in questi mesi è attivo un gruppo di dibattito sulla crisi.

Protagonisti anche i muri, un arcobaleno di fogli che raccontano iniziative e che sanciscono regole di gestione di questo spazio " illegale".

Le regole sono semplicissime (non urlare, chiudi il frigo, ricorda la raccolta differenziata); perché qui basta collaborazione e buon senso per far funzionare le cose, per avere molto di più di quello che ci "concede" l'ateneo a costi altissimi.

Tutto ciò può sapere (lo ammetto) di illecito, di sovversivo; e la struttura non è certo a norma di legge; ma guardiamo alla sostanza: non sono molti gli spazi così, vicini agli istituti ma non in una zona residenziale, aperti 365 giorni l'anno, dalle nove di mattina all'una di notte. E poi, è un'occasione anche per l'amministrazione: riconosca che gli studenti non sono un peso ma un capitale, ed una risorsa che si gestisce benissimo da sola.

 

Giulia Carraro

10 maggio 2012

 

 

Aggiungi commento

E' materialmente impossibile controllare il contenuto dei commenti del nostro pubblico. Il sito conta ormai centinaia di pagine. Tuttavia, Idea Padova non intende diventare una palestra per offese personali né terreno per vendette private. Chi scrive commenti diffamatori se ne assume la piena responsabilità; chi dovesse inoltrarci materiale (articoli, commenti, immagini e video) illegale, sappia che sarà girato tale e quale all'autorità competente. Le persone offese da commenti diffamatori non rispondano con altri commenti, accettando così implicitamente lo scontro verbale; ma immediatamente inoltrino all'Editore una mail richiedendo la cancellazione del commento lesivo.

Netiquette: Post non accettati:

- «volgari» e/o «offensivi» e/o
- «razzisti» e/o «sessisti»
- «pornografici»
- «incomprensibili» (scritti cioè in italiano gravemente scorretto, senza punteggiatura, senza separazione delle parole...)
- «urlati» (ovvero scritti tutti in maiuscolo, che serve per mettere in evidenza una parola come se la si stesse dicendo ad alta voce)
- «spamming» (=messaggi pubblicitari)


Codice di sicurezza
Aggiorna

Watch live streaming video from ipreport at livestream.com

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information