Se si scalda la laguna di Venezia

laguna veneziaVenezia è uno dei gioielli più preziosi e fragili del nostro paese. La sua affascinante topografia la espone infatti a continui rischi provenienti dall'innalzamento delle acque e dalla stabilità del sottosuolo, per i quali negli anni passati sono stati pensati e realizzati numerosi interventi preservativi. Un nuovo allarme arriva oggi dai ricercatori dell'Università di Southampton, in Inghilterra, che puntano questa volta il dito all'aumento della temperatura delle acque superficiali (Sst) della laguna: nei prossimi decenni potrebbe essere molto superiore alla media mondiale. I risultati del team di Carlos Amos sono stati presentati al meeting internazionale dell'Estuarine & Coastal Sciences Association, in Lituania. 

 

Il fenomeno del riscaldamento delle acque sarebbe dovuto principalmente al cosiddetto urban heat island effect, "un problema poco considerato, ma che può avere conseguenze estreme", ha spiegato Amos. Ovvero: le aree in rapida espansione urbana e industriale producono grandi quantità di calore, che portano a loro volta un aumento della temperatura locale. "Prendete per esempio Londra", racconta Amos, "dove la temperatura dell'aria e delle acque del Tamigi è sempre maggiore di quella del resto del Regno Unito. O la Corea del Sud, un'area che ha conosciuto una rapida espansione industriale, e in cui l'Sst aumenta a un ritmo di 0,26 gradi per decennio, molto maggiore della media mondiale. Due terzi di questo aumento sono dovuti all'aumento della temperatura locale dell'aria, che è causato in gran parte dall'urban heat island effect".

Venezia d'altronde viene visitata ogni anni anno da oltre 22 milioni di turisti, una cifra che si ripercuote inevitabilmente sugli equilibri ambientali della zona. Eppure, sebbene il turismo sia una risorsa fondamentale, sono migliaia anche i posti di lavoro che dipendono dalla sopravvivenza dell'industria della pesca, comparto che sarebbe messo gravemente a rischio dai forti aumenti di temperatura delle acque previsti dai ricercatori, che avvertono quindi di non sottovalutare il pericolo. Un'analisi della temperatura delle acque della laguna infatti prevede aumenti anche dieci volte superiori a quelli prospettati dall'Ipcc nei periodi invernali, un risultato che i ricercatori ritengono direttamente collegato agli effetti del turismo.

Purtroppo questo non è l'unico allarme che arriva quest'anno per la sicurezza della serenissima. Uno studio pubblicato su Nature della University of California di San Diego e dell'Università di Miami, in collaborazione con Telerilevamento Europa (Tre), aveva infatti svelato come, nonostante gli interventi effettuati in passato per risolvere il problema, la città stia ancora sprofondando a un ritmo di due millimetri all'anno. Quattro se si sommano i due millimetri di cui aumenta l'altezza delle acque della laguna ogni anno.

 

Simone Valesini

Galileo, Giornale di Scienza

2 ottobre 2012

 

Aggiungi commento

E' materialmente impossibile controllare il contenuto dei commenti del nostro pubblico. Il sito conta ormai centinaia di pagine. Tuttavia, Idea Padova non intende diventare una palestra per offese personali né terreno per vendette private. Chi scrive commenti diffamatori se ne assume la piena responsabilità; chi dovesse inoltrarci materiale (articoli, commenti, immagini e video) illegale, sappia che sarà girato tale e quale all'autorità competente. Le persone offese da commenti diffamatori non rispondano con altri commenti, accettando così implicitamente lo scontro verbale; ma immediatamente inoltrino all'Editore una mail richiedendo la cancellazione del commento lesivo.

Netiquette: Post non accettati:

- «volgari» e/o «offensivi» e/o
- «razzisti» e/o «sessisti»
- «pornografici»
- «incomprensibili» (scritti cioè in italiano gravemente scorretto, senza punteggiatura, senza separazione delle parole...)
- «urlati» (ovvero scritti tutti in maiuscolo, che serve per mettere in evidenza una parola come se la si stesse dicendo ad alta voce)
- «spamming» (=messaggi pubblicitari)


Codice di sicurezza
Aggiorna

Watch live streaming video from ipreport at livestream.com