Processo G8, assolto Bertolaso

bertolaso guidoROMA - «Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. E poi vinci». Parola dell'ex capo della protezione civile Guido Bertolaso, a seguito dell'assoluzione del Tribunale di Roma nell'ambito del processo sugli appalti del G8. Una doppia vittoria, secondo Bertolaso: l'uomo ha affermato di essere stato assolto perché il fatto con sussiste nonostante la richiesta di prescrizione. «Ciò vale come una doppia assoluzione. Grazie alla mia famiglia e a chi mi é stato vicino in questi otto anni. Sono innocente come ho sempre detto. Ora lo hanno dichiarato anche i giudici». Va detto che ad altri è andata meno bene. Agenzie di stampa dell'8 febbraio riportano che i giudici hanno condannato a 6 anni e 6 mesi l'ex presidente alle opere pubbliche Angelo Balducci, a 6 anni l'imprenditore Diego Anemome, a 4 anni l'ex generale della Gdf, Francesco Pittorru, a 4 anni e mezzo l'ex provveditore alle opere pubbliche della Toscana, Fabio De Santis. Il tribunale ha dichiarato prescritto il reato di corruzione mentre sono state condannate le persone ritenute a capo dell'associazione a delinquere.

 

Tra le posizioni prescritte, tra gli altri, quella dell'imprenditore Daniele Anemone. Tra gli assolti l'ex commissario straordinario mondiali di Nuoto di Roma, Claudio Rinaldi e l'ex funzionaria della presidenza del Consiglio, Maria Pia Forleo. I giudici hanno, inoltre, disposto una provvisionale di 1 milione di euro che Diego Anemone e Balducci dovranno pagare al Ministero per l'Infrastrutture e 50 mila euro all'associazione Cittadinanzattiva. Inoltre Anemone e Pittorru dovranno risarcire per 250 mila euro la Presidenza del Consiglio. L'indagine sulla "cricca" era nata a Firenze nel 2010, poi fu trasferita a Perugia e infine inviata alla Procura di Roma per competenza. Sempre secondo le agenzie di stampa, va ricordato che Guido Bertolaso fu assolto nel settembre del 2016 dal Tribunale dell'Aquila dall'accusa di omicidio colposo nel processo Grandi Rischi bis in merito al sisma dell'Aquila del 6 aprile 2009.

Marco de' Francesco

5 aprile 2018

credits immagine (modificata): di Roby Ferrari wikipedia

 

Aggiungi commento

E' materialmente impossibile controllare il contenuto dei commenti del nostro pubblico. Il sito conta ormai centinaia di pagine. Tuttavia, Idea Padova non intende diventare una palestra per offese personali né terreno per vendette private. Chi scrive commenti diffamatori se ne assume la piena responsabilità; chi dovesse inoltrarci materiale (articoli, commenti, immagini e video) illegale, sappia che sarà girato tale e quale all'autorità competente. Le persone offese da commenti diffamatori non rispondano con altri commenti, accettando così implicitamente lo scontro verbale; ma immediatamente inoltrino all'Editore una mail richiedendo la cancellazione del commento lesivo.

Netiquette: Post non accettati:

- «volgari» e/o «offensivi» e/o
- «razzisti» e/o «sessisti»
- «pornografici»
- «incomprensibili» (scritti cioè in italiano gravemente scorretto, senza punteggiatura, senza separazione delle parole...)
- «urlati» (ovvero scritti tutti in maiuscolo, che serve per mettere in evidenza una parola come se la si stesse dicendo ad alta voce)
- «spamming» (=messaggi pubblicitari)


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information