E-cigarettes meno pericolose delle bionde

  • Stampa

sigaretta elettronicaLe sigarette elettroniche contengono sostante tossiche in misura molto ridotta rispetto alle tradizionali bionde, in particolar modo dalle 9 alle 450 volte inferiori. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su Tobacco Control, che analizzando l'emissione di sostanze tossiche da una dozzina di diversi tipi di sigarette elettroniche, rassicura in qualche modo il popolo degli svapatori, dimostrando che le e-cigarettes rispetto alle bionde sarebbero meno dannose. E tuttavia, affinché le sigarette elettroniche vengano considerate come un sistema di riduzione del danno per i fumatori che non vogliono smettere, serviranno ulteriori studi condotti sul lungo termine.

 

Gli scienziati guidati da Maciej L Goniewicz del Roswell Park Cancer Institute di Buffalo negli Usa hanno confrontato le emissioni di composti organici volatici, carbonilici, nitrosammine e metalli pesanti presenti nei vapori di 12 diverse marche di sigarette elettroniche con quelle dei fumi delle sigarette tradizionali. I dati però sono stati paragonati anche con le emissioni di un inalatore di nicotina. I risultati hanno mostrato che le e-cig sono più sicure sotto il profilo tossicologico: sostanze ritenute dannose infatti erano presenti in media dalle 9 alle 450 volte in meno nei dispositivi elettronici. Per esempio, l'acroleina, una sostanza irritante per le vie respiratorie e considerata legata all'insorgenza di disturbi cardiovascolari nei fumatori, è presente 15 volte meno nelle e-cig che nelle sigarette con tabacco. In alcuni casi poi i livelli di sostanze rilasciate dalle e-cig sono risultati comparabili con quelli emessi dall'inalatore.

Una sostanza però considerata cancerogena, e presente anche nelle sigarette tradizionali, è stata rinvenuta nei vapori delle e-cig: la formaldeide, presente in concentrazioni molto variabili nei dispositivi elettronici, da valori approssimabili a quelli rinvenuti nell'inalatore di nicotina a valori molto più elevati, rispettivamente 3,2 microgrammi a 56,1 microgrammi per 150 svapate, (anche se altri studi invece non ne avevano trovato traccia nelle e-cig). Malgrado questo però per gli autori si sbilanciano: "sostituire le sigarette tradizionali con le e-cigarettes - dicono - può ridurre l'esposizione a specifiche sostanze tossiche legate al tabacco".


Anna Lisa Bonfranceschi

Galileo, Giornale di Scienza

19 marzo 2013 

Sigarette elettroniche: l'Europa pronta a regolare il mercato

 

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information