Sigarette elettroniche: l'Europa pronta a regolare il mercato

sigaretta elettronicaIl successo delle sigarette elettroniche ha richiamato l'attenzione non solo dei consumatori del mondo della ricerca, ma anche della Commissione Europea, interessata a colmare in parte il vuoto normativo che ne regola il mercato e il loro utilizzo (anche per la questione dei vapori passivi). Come racconta oggi Repubblica.it infatti, riportando le parole di Paola Testori Coggi del Dipartimento salute e consumatori alla Commissione Europea, l'Europa starebbe lavorando a una norma che preveda la vendita di alcuni dispositivi in farmacia: "Le sigarette con capacita superiore ai due milligrammi (di nicotina, ndr) saranno considerate prodotti medicinali. Quindi devono avere una specifica autorizzazione ed essere venduti in farmacia". Una proposta che rischia di mettere in pericolo il businness dei negozi sorti per la vendita delle sigarette elettroniche. Anche considerato che quelle con capacità superiore di 2mg di nicotina (dipendente dalla concentrazione dei liquidi usati e dal volume della cartuccia usata) sono la maggior parte dei dispositivi.

 


Redazione

Galileo, Giornale di Scienza

 

19 febbraio 2013


 

Aggiungi commento

E' materialmente impossibile controllare il contenuto dei commenti del nostro pubblico. Il sito conta ormai centinaia di pagine. Tuttavia, Idea Padova non intende diventare una palestra per offese personali né terreno per vendette private. Chi scrive commenti diffamatori se ne assume la piena responsabilità; chi dovesse inoltrarci materiale (articoli, commenti, immagini e video) illegale, sappia che sarà girato tale e quale all'autorità competente. Le persone offese da commenti diffamatori non rispondano con altri commenti, accettando così implicitamente lo scontro verbale; ma immediatamente inoltrino all'Editore una mail richiedendo la cancellazione del commento lesivo.

Netiquette: Post non accettati:

- «volgari» e/o «offensivi» e/o
- «razzisti» e/o «sessisti»
- «pornografici»
- «incomprensibili» (scritti cioè in italiano gravemente scorretto, senza punteggiatura, senza separazione delle parole...)
- «urlati» (ovvero scritti tutti in maiuscolo, che serve per mettere in evidenza una parola come se la si stesse dicendo ad alta voce)
- «spamming» (=messaggi pubblicitari)


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information