Consiglio straordinario bis per l’indipendenza veneta

Leggi tutto...VENEZIA — Repubblica veneta sovrana e indipendente, scatta il «Piano B». Dopo il consiglio regionale del 28 novembre scorso, conclusosi con l'approvazione della celeberrima «Risoluzione 44», gli attivisti di Indipendenza Veneta, d'intesa con Stefano Valdegamberi (ex Udc ora in Futuro Popolare), sono riusciti a raccogliere tra ieri e mercoledì a Palazzo Ferro Fini altre 17 firme in calce ad una nuova richiesta per la convocazione di una seduta straordinaria da dedicare all'indizione di un referendum consultivo sull'indipendenza della nostra regione. A norma di regolamento ne bastavano 15. Valdegamberi ha formalmente depositato la richiesta, ora il presidente dell'assemblea, Valdo Ruffato, avrà 10 giorni di tempo per procedere alla convocazione, altrimenti si procederà d'ufficio nei 5 successivi. «La data prevista dovrebbe essere il 27 giugno» ipotizza il presidente di Indipendenza Veneta, Lodovico Pizzati

Caso Stamina, sì alla sperimentazione

Leggi tutto...Il caso Stamina torna a far discutere. Ieri infatti, la Commissione Affari sociali della Camera ha approvato un emendamento al decreto Balduzzi - che regolamenta l'utilizzo delle staminali e che ha ricevuto già il sì del Senato lo scorso 10 aprile - che prevede l'avvio di una sperimentazione promossa dal Ministero della Salute e supervisionata dal Centro nazionale trapianti, Istituto superiore della sanità e Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco. Perché, come annunciato già durante le audizioni alla Commissione affari sociali le cellule staminali mesenchimali – al centro del discusso metodo Stamina – vanno trattate come farmaci e non secondo le regole dei trapianti – considerate meno rigide - per cui la loro sperimentazione è di competenza dell'Aifa. Saranno tre i milioni di euro – provenienti dal Fondo sanitario nazionale - stanziati per la sperimentazione al via dal prossimo primo luglio e della durata di 18 mesi. 

Concordia un anno dopo: ecco come verrà rimossa

Leggi tutto...Cinquantamila tonnellate piombate addosso allo scoglio delle Scole; 4229 le persone a bordo, 32 le vittime, e oltre 50mila pagine di atti e verbali nell'indagine della magistratura sulle responsabilità del disastro. Sono questi i numeri che, un anno dopo, ricordano la catastrofe della Concordia, la nave della Costa Crociere capitanata da Francesco Schettino affondata nelle acque del Giglio la sera del 13 gennaio 2012, dopo il tristemente famoso "inchino" all'isola, ancora lì a ricordare il disastro. Perché le operazioni di rimozione sono in ritardo. La Concordia infatti dovrebbe riemergere solo a settembre, con i lavori di ribaltamento e rigalleggiamento (previsti dal progetto di recupero, il The Parbuckling Project), gestiti dalla statunitense Titan Salvage insieme all'italiana Micoperi, slittate dalla prossima primavera, come era stato previsto. E sarà tutt'altro che una passeggiata.

Acido, volto femminile e reato identitario: un appello alla politica

Leggi tutto...Diritto penale l'ho dato venti anni fa. Me lo ricordo ancora, quell'esame. Era pomeriggio, ma quasi sera. Prima di me, una ragazza si blocca di fronte all'assistente; non riesce più a spiccicare una parola. Il professore si infuria, si gonfia, cambia colore, esplode ("Non si fa così!!!") e le tira il libretto in testa. Altri tempi. La ragazza si allontana in lacrime e tra i banchi, il miglio verde prima dell'esame, cala un cupo silenzio. In questo clima, sento pronunciare il mio nome: tocca a me. Mi faccio coraggio, mi alzo, mi siedo di fronte alla commissione. E inizia il fuoco di fila. "Aberratio delicti, monolesiva e plurilesiva". Va beh, è il mio cavallo di battaglia: un figurone. Ancora: "Concussione, corruzione". Poi il professore cita un caso: "Che reato è?". Me la cavo, rintuzzo, combatto. "Successione delle leggi penali nel tempo: tutti i commi, spiegati". Poi, un'altra mezz'ora di tortura, che termina con la sentenza pubblica del professore: "Ha studiato". Prendo il mio 28 e me ne vado.

Skype, la migrazione e le vagine ringhiose

Leggi tutto...Adoro Skype, inutile negargli la sua enorme utilità. Chi emigra lo sa bene; e adoro la migrazione, sono ripetitiva e noiosa lo so, ma essa rimane l'esempio palese del cambiamento e dell'evoluzione. Tutto si muove e nulla resta intatto, per quanto la gente si sforzi di preservare l'attimo, il momento storico e la staticità. Per quello ci sono le macchine fotografiche e i telefonini super-mega-performanti. Il mio vicino, guineano cresciuto in Sierra Leone, sposato con una donna australiana, ha deciso di venire a stabilirsi in Senegal dove la madre era emigrata una decina di anni fa. Ha preso i modi di fare occidentali e la fermezza e la forza dei senegalesi, pur restando sempre attento e gentile. Adoro le persone che sorridono e chiedono "permesso", "scusa", "per favore". Dopo aver messo il wi fi è venuto porgendomi la password scritta su un foglietto a righe, "tieni, cosi puoi chiamare tua figlia". "Paghiamo a metà?" gli ho chiesto. Lui ha scosso la testa, ha sorriso ed è risalito. 

La pubblicità che ti prende per il naso

Leggi tutto...Immaginate di passeggiare tranquillamente per le vie della vostra città. All'improvviso, il vostro naso viene solleticato dall'invitante profumo di caffè appena tostato. No, non è un bar, ma il cartellone pubblicitario che avete appena superato. E' questa la nuova frontiera della pubblicità - dopo il cartellone che fa acqua da tutte le parti - inaugurata con la presentazione dello "smelling screen", lo schermo olfattivo, alla IEEE Virtual Reality Conference di Orlando, Florida. Lo smelling screen, messo a punto da un team guidato da Haruka Matsukura della Tokyo University of Agricolture and Technology in Giappone, consiste in uno schermo LCD implementato con una tecnologia che ci fa 'sentire' gli odori come se provenissero dall'immagine stessa. Tutto parte da alcune palline di gel contenenti dei profumi, che vengono vaporizzati e soffiati fuori attraverso quattro getti d'aria, uno per ogni angolo.

Scuola, sul merito i maschi fanno peggio

Leggi tutto...Lo scorso anno scolastico si è chiuso con un acceso dibattito intorno alla bozza di riforma del ministro Profumo, la quale, etichettata come "pacchetto merito", si apriva all'insegna della capacità e del merito nelle scuole (art. 1). Proprio nell'incipit si richiamavano quali principi ispiratori gli obiettivi di Europa 2020 e l'art. 34 della Costituzione, individuando come finalità quella di contenere la dispersione e di riconoscere e premiare il merito quale forza trainante per il paese e per l'Europa e come mezzo più idoneo quello delle competizioni e delle valutazioni nazionali e internazionali, insieme con i percorsi di qualità nel rispetto dei criteri di trasparenza e pari opportunità. Una bozza di riforma alla quale quasi all'unanimità le parti in campo hanno reagito negativamente, considerando altre le priorità della scuola. 

E-cigarettes meno pericolose delle bionde

Leggi tutto...Le sigarette elettroniche contengono sostante tossiche in misura molto ridotta rispetto alle tradizionali bionde, in particolar modo dalle 9 alle 450 volte inferiori. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su Tobacco Control, che analizzando l'emissione di sostanze tossiche da una dozzina di diversi tipi di sigarette elettroniche, rassicura in qualche modo il popolo degli svapatori, dimostrando che le e-cigarettes rispetto alle bionde sarebbero meno dannose. E tuttavia, affinché le sigarette elettroniche vengano considerate come un sistema di riduzione del danno per i fumatori che non vogliono smettere, serviranno ulteriori studi condotti sul lungo termine.

Cosa ci lascia Rita Levi Montalcini

Leggi tutto...Amava ripetere: " Se morissi domani o tra un anno, sarebbe lo stesso: quel che conta è il messaggio che lasci dietro di te. È il solo modo affinché il nostro passaggio sulla Terra non si esaurisca in un grande nulla". Oggi, mentre il mondo piange la scomparsa del premio Nobel Rita Levi Montalcini, vogliamo ricordarla come lei avrebbe voluto, attraverso le scoperte scientifiche che la sua beautiful mind ha consegnato al mondo. 1) Ngf, la pietra miliare – Rita Levi Montalcini è stata insignita del Nobel per la medicina nel 1986, all'età di 77 anni, insieme all'americano Stanley Cohen, per la scoperta avvenuta nei primi anni Cinquanta del fattore di crescita nervoso o NGF (Nerve Growth Factor), una pietra miliare della biologia. NGF è una piccola proteina fondamentale per il mantenimento e la crescita dei neuroni del sistema simpatico e sensoriale, senza la quale le cellule cerebrali si suicidano.

Sigarette elettroniche: l'Europa pronta a regolare il mercato

Leggi tutto...Il successo delle sigarette elettroniche ha richiamato l'attenzione non solo dei consumatori del mondo della ricerca, ma anche della Commissione Europea, interessata a colmare in parte il vuoto normativo che ne regola il mercato e il loro utilizzo (anche per la questione dei vapori passivi). Come racconta oggi Repubblica.it infatti, riportando le parole di Paola Testori Coggi del Dipartimento salute e consumatori alla Commissione Europea, l'Europa starebbe lavorando a una norma che preveda la vendita di alcuni dispositivi in farmacia: "Le sigarette con capacita superiore ai due milligrammi (di nicotina, ndr) saranno considerate prodotti medicinali. Quindi devono avere una specifica autorizzazione ed essere venduti in farmacia". Una proposta che rischia di mettere in pericolo il businness dei negozi sorti per la vendita delle sigarette elettroniche. Anche considerato che quelle con capacità superiore di 2mg di nicotina (dipendente dalla concentrazione dei liquidi usati e dal volume della cartuccia usata) sono la maggior parte dei dispositivi.

Sì da centristi a Monti. «Decida lui sulle liste»

Leggi tutto...Vertice questa mattina fra Montezemolo, Riccardi, Casini e Cesa. Nell'incontro riservato i leader del 'nuovo centro' hanno espresso piena sintonia politica con il discorso e l'Agenda di Monti e hanno deciso di rimettersi alla decisione del professore sulla scelta fra una lista unica o più liste federate. MENO CASTA, MENO COSTI ECCO L'AGENDA MONTI Cambiare l'Italia, riformare l'Europa. Mario Monti mette in rete la sua agenda, precedendola da una lettera ai cittadini: 25 pagine di proposte per non disperdere i risultati ottenuti finora e proseguire sulla strada delle riforme strutturali. Al primo punto l'Europa e poi il conseguimento della crescita, che non può essere realizzato ricorrendo al debito pubblico. Non appena le condizioni generali lo consentiranno" occorre impegnarsi "a ridurre il prelievo fiscale complessivo" dando precedenza a lavoro e impresa, anche per mezzo del trasferimento del carico corrispondente "su grandi patrimoni e sui consumi" salvaguardando le fasce deboli e il ceto medio. Cosi' l'Agenda Monti diffusa on line (VAI AL DOCUMENTO INTEGRALE) dove si sottolinea la necessita' di realizzare un nuovo Patto tra fisco e contribuenti per un fisco più semplice, più equo e più orientato alla crescita'. 

Risoluzione 44

Leggi tutto...L'Europa sta cambiando a grande velocità e dopo l'età degli Stati nazionali stanno riemergendo comunità locali che rivendicano il pieno diritto ad autodeterminarsi e dare vita a istituzioni indipendenti. Negli ultimi mesi, i veneti – come prima i cittadini di Catalogna, Scozia, Fiandre e di altre regioni europee – sono diventati attori di un processo di cambiamento. Tale trasformazione porterà gli elettori di questa regione a scegliere, per via referendaria, tra due possibilità: 1) quella di restare in Italia, oppure 2) quella di dare vita a una nuova entità politica, che rinverdisca i fasti della SerenissimaI firmatari di questo appello invitano le autorità internazionali ed europee a favorire il processo di autodeterminazione avviato il 28 novembre 2012 con l'approvazione – da parte del Consiglio Regionale del Veneto – di una Risoluzione che impegna le massime istituzioni venete a fare tutto il possibile affinché i cittadini possano decidere in merito al loro futuro.

Legge di Stabilità, piogga di proroghe, spunta salva pensioni d'oro

Leggi tutto...Salvare le pensioni d'oro della pubblica amministrazione. E' questo l'obiettivo di un emendamento alla Legge di Stabilità a firma della senatrice del Pdl Cinzia Bonfrisco. L'emendamento prevede che "ai fini previdenziali" i paletti fissati dal governo Monti con il dl Salva Italia operino solo con "riferimento alle anzianità contributive maturate" successivamente al provvedimento. L'emendamento alla Legge di Stabilità, a firma della senatrice Cinzia Bonfrisco, prevede in particolare che "i soggetti interessati siano tutti coloro che hanno maturato i requisiti al 22 dicembre" 2011. Questi però non devono essere "titolari di un altra pensione" e devono "risultare percettori di un trattamento economico imponibile superiore al limite stabilito" dal dl Salva Italia purché "continuino a svolgere al momento dell'accesso al pensionamento le stesse funzioni che svolgevano alla predetta data". 

Dimissioni di Benedetto XVI: «Gesto umano e moderno. Ha colto tutti di sorpresa»

Leggi tutto...Pare che non lo sapesse neanche monsignor Livio Melina, il teologo adriese che pure era di casa alla "Congregazione per la dottrina della fede" ed è docente al "Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per studi su matrimonio e famiglia": insomma, uno che col Papa "ci parla". Sarebbe rimasto spiazzato anche lui. Non che di voci non ne circolassero, tra le stanze del palazzo apostolico; ma è anche vero che dopo l'annus horribilis per la Chiesa, dicerie e notizie tendono a rincorrersi. Comunque la si metta, la verità è che le "dimissioni" del Papa hanno sorpreso tutti. Ma bisogna avere nervi saldi, come ricorda il patriaarca di Venezia Francesco Moraglia: «La Chiesa continua, al di là delle persone».

Governo, Monti da Napolitano: "Dimissioni dopo legge stabilità"

Leggi tutto...Il premier Mario Monti lascerà la guida del governo subito dopo l'approvazione delle leggi di stabilità. E' la decisione presa ieri in seguito allo strappo con il Pdl e comunicata al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a colloquio in serata al Quirinale. In precedenza il capo dello Stato aveva incontrato i leader dei partiti in consultazioni informali per fare il punto. La road map sarebbe piuttosto chiara: una volta approvata la legge di stabilità e alcuni provvedimenti ritenuti essenziali sia dal Colle che da Palazzo Chigi, si procederà allo scioglimento delle Camere fra il 10 e il 20 gennaio in modo da votare il 10 e 11 marzo, accorpando le Regionali di Lombardia e Molise. Prima di andare al Quirinale, da Cannes, Monti si era mostrato tranquillo. Anche se rispondendo alla domanda di un giornalista francese sul premio Nobel all'Europa, aveva esortato a essere "sempre vigili verso ogni forma di populismo e di nazionalismo". Il premier ha quindi rivendicato il proprio operato.

«Protestiamo, difficile passare in Trentino»

Leggi tutto...BELLUNO — Mezzo Agordino, con le consultazioni popolari di domenica 10 e lunedì 11 febbraio, tenta il colpaccio: lasciare il Veneto, visto dalla montagna pianura ingenerosa, per il Trentino Alto Adige, terra promessa dei referendari locali. Obiettivo condiviso dagli altri tre Comuni bellunesi che votano negli stessi giorni: Feltre, Arsiè e Cesiomaggiore. Sono chiamati a dire un sì o no al trasferimento amministrativo 1.365 (675 maschi e 690 femmine) di Rocca Pietore, 942 (461 e 481) di Gosaldo, 2.128 (1.033 e 1.095) di Falcade e 1.219 (590 e 629) di Canale d'Agordo, il paese di Papa Luciani, Giovanni Paolo I. In tutto 5.654 persone. Doppio quorum perché il sì si affermi: il 50% più uno degli aventi diritto deve andare alle urne e il 50% più uno dei votanti deve esprimersi in senso favorevole. Ai seggi dalle 8 alle 22 di domenica e dalle 7 alle 15 di lunedì.

Indipendenza veneta: il consiglio regionale dice sì all'autodeterminazione

Leggi tutto...VENEZIA - Né la forte pioggia, né l'acqua alta sono riusciti a fermare il movimento indipendentista oggi a palazzo Ferro-Fini. Il presidente del consiglio regionale, Clodovaldo Ruffato, ha invitato una delegazione di Indipendenza Veneta a presentare, alle ore 9.45 di fronte ai consiglieri regionali riuniti in consiglio straordinario, la propria Risoluzione sottoscritta da migliaia di cittadini veneti. "Oggi i consiglieri hanno preso una decisione di buon senso" spiega l'avv. Luca Azzano Cantarutti, presidente di Indipendenza Veneta, dopo aver ufficialmente esposto in sala consigliare le motivazioni del documento approvato. "Il diritto all'autodeterminazione va rivendicato, e oggi i veneti hanno dimostrato con i fatti di essere un popolo. Oggi il Veneto ha deciso di intrapprendere rapporti internazionali sul piano politico per poter garantire un referendum sull'indipendenza". 

Pdl, silurato il capogruppo Salmaso «Nel partito è caccia alle streghe»

Leggi tutto...PADOVA — «Come mi sento? Ancora più libero di fare il mio lavoro, a contatto sul territorio, come ho sempre fatto». Sereno ma pronto a togliersi qualche sassolino che teneva nelle scarpe da un po' di tempo: da ieri Alberto Salmaso non è più capogruppo del Pdl in Comune di Padova, sostituito da Antonio Foresta. A deciderlo otto consiglieri del gruppo su dieci: oltre Salmaso non ha firmato Gregorio Cavalla, vicino ormai alle posizioni di «Fare», il partito di Oscar Giannino. Ufficialmente il gruppo Pdl ha ratificato l'indicazione di Alberto Giorgetti e Marino Zorzato, coordinatori regionali: via dalla vita di partito che si candida alle politiche in compagini concorrenti, come Salmaso, terzo in lista per la Camera di Mir, Moderati in Rivoluzione

Ilva, come si è arrivati alla chiusura

Leggi tutto...Da stamattina alle otto, i badge degli operai dell' Ilva non funzionano più. L'azienda ha infatti comunicato la sospensione immediata di tutte le attività lavorative negli impianti dello stabilimento siderurgico pugliese, a valle del provvedimento di sequestro emesso dal Gip di Taranto, che comporta "in modo ineluttabile l'impossibilità di commercializzare i prodotti e, per conseguenza, la cessazione di ogni attività nonché la chiusura dello stabilimento e di tutti gli stabilimenti del gruppo che dipendono, per la propria attività, da quello di Taranto", come si legge nella nota stampa emessa dall'Ilva. I dipendenti, dal canto loro, hanno occupato lo stabilimentoIn attesa di nuovi sviluppi, ripercorriamo brevemente le vicissitudini che hanno portato alla chiusura dello stabilimento. 

Programmi per le rotte dei satelliti, la Nasa premia i ragazzi del Fermi

Leggi tutto...PADOVA – La città del Santo in vetta in Europa grazie al "Fermi". In una competizione per scuole superiori organizzata dalle due più importanti istituzioni scientifiche del mondo: la Nasa, quella, per intenderci, delle missioni spaziali a stelle e strisce e il Mit (Massachusset Institute of Technology) di Boston, primo ateneo del globo in fatto di fisica, astronomia, scienze naturali, chimica, informatica e ingegneria elettronica. Insomma, un trofeo (solo quello, niente soldi) di prestigio. In una gara, "Zero Robotics", piuttosto complicata: si giocava sulla stazione spaziale internazionale, a 400 chilometri da terra, e con due astronauti come arbitri; si trattava di programmare i movimenti dei minisatelliti Sphere, grandi come palloni da basket e che saranno utilizzati, in futuro, per rimuovere vecchi satelliti e altra "spazzatura" orbitante. 

Uccidere costa troppo, meno guerre in futuro

Leggi tutto...I telegiornali degli ultimi giorni non aiutano a pensarlo, viste le immagini degli scontri tra Israele e Hamas, ora impegnati in una delicata fase di tregua: eppure i conflitti nel mondo stanno diminuendo. Forse non velocemente come vorremmo, ma sono pur sempre in calo, tanto che nell'arco di 40 anni il numero di paesi coinvolti in una guerra sarà dimezzato. A prevederlo è un'analisi statistica effettuata da un gruppo di ricercatori guidato da Håvard Hegre dell'Università di Oslo in collaborazione con il Peace Research Institute Oslo, che verrà pubblicata sul periodico International Studies QuarterlySe infatti nel 1992 un paese su quattro risultava coinvolto in una guerra, il numero era diminuito a uno ogni sei nel 2009, e, stando alla simulazione di Hegre, sarà di uno ogni 12 nel 2050. 

Questo sito utilizza cookies propri e di terze parti per la profilazione e per migliorare l'esperienza di navigazione. Se non accetti l'utilizzo parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. Per maggiorni informazioni leggi privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information